• I Nostri Sponsor

Loading...
Your Are in   Home     Politica Nazionale     Pulirci dai rifiuti. Cominciando da Bassolino, Iervolino e Pecoraro Scanio

Pulirci dai rifiuti. Cominciando da Bassolino, Iervolino e Pecoraro Scanio

     Giugno 27, 2017   No Comments

Uno scandalo. Una vergogna. Napoli, la Campania sommersi dai rifiuti. Indecoroso. Incivile. Pazzesco. Non c’è fine alle parole che possano esprimere lo sconcerto, il ribrezzo, lo schifo, per l’immane spettacolare tragedia a cui ci è dato di assistere. Questioni igieniche, sanitarie, di ordine pubblico, economiche, ambientali, politiche. Arrivate ad un apice estremo. Tragico e comico al contempo. Sputtanati, come Paese e come italiani, in mondovisione. Non un incidente. Non un imprevisto naturale. Tragedie e schifezze annunciate. Questioni aperte ed irrisolte da tempo. Da lungo tempo. Altre volte esplose. Via via sempre più crescenti. E davanti a tutto questo, al suo formarsi, al suo procedere, al suo acuirsi; davanti a tutto questo e durante un tempo lungo, quasi infinito, una classe politica incapace, tronfia, arrogante. Essa stessa una schifezza di prima categoria.

Responsabili? Parrebbe nessuno. Altro schifo che la dice lunga sul livello al quale siamo giunti in ogni dove. Bassolino, il boss politico della Campania e di Napoli, responsabile fino al midollo di quanto sta succedendo che non ha neppure il pudore di mettersi da parte con vergogna ed ignominia. La Iervolino, Sindaco di Napoli, in passato perfino in pregiudicato e lì lì per diventare Presidente della Repubblica. Una governante da strapazzo. Pecoraro Scanio, napoletano, Ministro dell’Ambiente, il signor no di tutto quello che sarebbe necessario ed utile. Una pochezza di uomo, di politico. Un meno che niente come statista. E continua a fare il ministro e quell’altra continua a fare il Sindaco. Schifo su schi fo, su schifo. Senza ritegno alcuno. Prodi e il Governo nazionale che si destano appena quando i rifiuti oramai gli sono arrivati alla gola. Prima niente di niente. Si è assistito alla dipartita di Bertolaso della Protezione civile per colpa di questi esseri che hanno fatto di tutto per lasciare incancrenire i problemi. Nessuno che si dimette. Anzi qualcuno esprime a siffatte personalità politiche perfino la propria solidarietà. Ancora schifo. Ma ci pensate se fosse successo in altri tempi quel che sta succedendo adesso a Napoli?  La sinistra, gli attuali PD prima Ds e prima ancora PDS e prima PCI si sarebbero rivoltati in ogni piazza italiana per gridare alla commistione con la camorra, allo schifo politico e alla incapacità di chi aveva incarichi di Sindaco, Presidente di regione, Ministro niente meno che dell’ambiente. Avrebbero sommerso giornali, TV, consigli comunali, regionali, provinciali, di ordini del giorno infamanti e richiedenti a gran voce le dimissioni di cotanto incapaci e collusi. I sindacati avrebbero fatto fuoco e fiamme. Invece, niente di niente. E dire che i Gava, gli Scotti, perfino i Cirino Pomicino sarebbero di gran lunga superiori a questi mediocri irresponsabili di quanto sta avvenendo. Una classe politica così può solo far danni. E certo non è “ educativa” di popolo. E in gran parte il popolo napoletano ben ci si adatta e ci si ritrova in piena rappresentanza. Ma non tutta la Campania può essere così. Men che meno lo è la grande maggioranza degli italiani. Avessero un sussulto di serietà quei tipi! Se ne andassero. Avesse un sussulto, in questo caso, anche la sinistra ed il centrosinistra e gridassero finalmente che quei mediocri, anche se di loro schiera e famiglia, fanno comunque schifo e meritano di non essere dove si trovano. Sarebbe espressione di innovazione e di buona cultura politica. Campa cavallo. E la bella politica di Veltroni? Sommersa dai rifiuti anch’essa? Che Vergogna!

  •   Published On : 3 anni ago on Giugno 27, 2017
  •   Author By :
  •   Last Updated : Giugno 27, 2017 @ 9:22 am
  •   In The Categories Of : Politica Nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also reading...

Analisi del voto europeo

Read More