• I Nostri Sponsor

Loading...
Your Are in   Home     Politica Nazionale     Obama for president. Speriamo

Obama for president. Speriamo

     Giugno 27, 2017   No Comments

di Denis Ugolini

Domani le elezioni USA for President. Democratici o Repubblicani. Obama o McCain.

La mia preferenza va ad Obama e ai Democratici. Sono sempre stato per i Democratici.

È il partito americano che più riscontra le attese e le posizioni culturali e politiche che mi appartengono. Così è ancora oggi, valutando il programma di Obama in confronto a quello di McCain. In prevalenza. Vi sono posizioni anche del candidato repubblicano che non sono male e che possono benissimo essere condivise da persone come me. Ad esempio in politica estera.

Anche le posizioni del mio partito, il PRI, sono sempre state assai più in sintonia con i Democratici americani piuttosto che con le posizioni e i programmi dei Repubblicani USA. Nelle nostre sedi campeggiavano e campeggiano da sempre i posters di John e Bob Kennedy. Del New Deal roosveltiano siamo stai sotenitori e la forza politica che con Ugo La Malfa se ne è più fatta interprete e propositiva adattandone impostazione e contenuti alla realtà italiana. Ben venga Obama.

Speriamo.

Occorre dire però che io e molti altri come me guardiamo alle elezioni americane e ne seguiamo il percorso ed il dibattito in modo differente da come, da un po’ di tempo a questa parte, lo affrontano molti in Italia. Soprattutto da quando è crollato il Muro di Berlino, è scomparsa l’Unione sovietica e il comunismo in quel paese e da quando non c’è più stata la guerra fredda precedente l’89.

Oggi, in modo assai distorto e distorcente, troppi guardano e valutano le vicende politiche americane con una chiave di lettura tutta italiana e tutta immiserita nella diatriba e nello scontro politici italiani.

E a tutto questo, in particolar modo, ci ha portato la sinistra italiana, quella sinistra erede del PCI che non avendo mai, ed ancora, fatto fin in fondo i conti con la priopria storia e con la propria arretratezza culturale, conseguenza della propria tragica ideologia, in assenza dei riferimenti della guerra fredda, si è appropriata di riferimenti nuovi, cercandoli ed autocostruendoseli anche in America. Ed ecco allora che la lettura delle vicende americane segue l’onda del dibattito e dello scontro politici taliani. Se sei di sinistra sei con i Democratici, se sei con Berlusconi e non sei di sisnistra sei con  i Repubblicani. Non male che abbiano delle preferenze per gli uni piuttosto che per gli altri. Quel che infastidisce a seguire le prese di posizione dei vari sinistri da Veltroni a D’Alema e altri, per non dire di quei poveretti di dirigenti locali partitici e sinistri, è che hanno scavalcato a piè pari un arco di storia, della loro storia vissuta, senza battere ciglio. Il che dice di loro di che stazza e di che statura sono fatti. E quella fetta di storia riguarda la loro profonda, acritica, veemente e feroce avversione all’America, agli Usa, agli americani, a qualsiasi governo e politica degli Stati Uniti ci sia stata e da chiunque sia stata fatta in prima persona. Senza distinzione alcuna fra democratici e repubblicani di quel grande Paese. Già! Sono saltati dall’antiamericanismo totale alla partigianeria fideistica totale di una parte americana contro l’altra. Assurdo. Con ciò, quindi, continuando a non capire che l’America è una nazione democratica, la più grande democrazia al mondo, con tutti i suoi difetti e i suoi pregi. Comunque una grande democrazia. Della quale è espressione il loro sistema politico comprese le elezioni presidenziali. È sbagliato trasferire oltre atlantico la misura, i parametri e le chiavi di lettura che si usano in Italia e che la sinistra vuole usare a solo beneficio di lotta interna italiana. Non è solo un errore. È più di un errore. Sono molti errori.

Noi possiamo esprimere la nostra preferenza con assoluta tranquillità fra i concorrenti per le elezioni presidenziali. Perché, innanzi tutto, siamo con gli USA per quel che sono e cioè la più grande democrazia del mondo. E ciò sarà anche a prescindere da chi vincerà le elezioni di domani rispetto alle quali facciamo il tifo per Obama.  Ma lo erano anche prima quando per i novelli sinistri di oggi erano il più atroce dei nemici da abbattere. Per noi gli USA continueranno ad essere, per la democrazia che sono, i nostri migliori e più affidabili alleati. Senza contare il debito di riconoscenza che gli dobbiamo e che gli deve lanostra democrazia. Alle prese con le elezioni americane e con il modo di atteggiarsi di Veltroni e compagnia cantante viene spontaneo esclamare al loro riguardo: poveretti!

  •   Published On : 3 anni ago on Giugno 27, 2017
  •   Author By :
  •   Last Updated : Giugno 27, 2017 @ 9:25 am
  •   In The Categories Of : Politica Nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also reading...

Analisi del voto europeo

Read More