• I Nostri Sponsor

Loading...
Your Are in   Home     Politica Locale     Sul Consiglio Comunale aperto: considerazioni

Sul Consiglio Comunale aperto: considerazioni

     Giugno 27, 2017   No Comments

di Franco Pedrelli

Il tema ?Guardare al futuro nel tempo della crisi? è di sicuro interesse, ancor più i relatori di fama nazionale presenti: occorre andarci.

Questo mi son detto e così ho fatto, anche se conquistarsi l?accesso nella nostra piccola sala consiliare non è stato facile.

Mi aspettavo indicazioni concrete su come il nostro territorio dovrebbe affrontare le nuove sfide, invece gli interventi sono stati un panegirico di cose già ampiamente risapute dalla maggioranza di tutti noi. Tant?è che se fosse stato presente, come ospite, anche l?assessore del Comune di Roncofritto, il buon Cevoli, questi avrebbe esordito con la sua ben nota e famosa frase.

In pratica ci è stato ricordato che la crisi è globale, coinvolge cioè tutti i mercati mondiali, che in questi ultimi anni si sono trasformati in un unico grande mercato.

La crisi è strutturale, il che equivale a dire che sono le modalità di fare mercato che si sono modificate. I prodotti e servizi che sino a ieri erano una certezza ora non lo sono più e più lo saranno. Vengono giorno dopo giorno sostituiti da altri, che vanno studiati, interpretati, realizzati e immessi nel nuovo mercato.

La crisi richiede maggiore produttività, perché maggiore è la concorrenza planetaria. Tradotto significa per noi intensificare l?utilizzo delle nuove tecnologie, ottimizzare i processi produttivi ed organizzativi. Obblighi a cui l?industria sta già in parte ottemperando, ma dove la pubblica amministrazione, da quella centrale a quella locale ben tanta strada ha da percorrere.

Tra tanto parlare l?unica proposta concreta di cambiamento è venuta dal capogruppo del Partito Repubblicano, Luigi Di Placido, che ha chiesto l?abolizione del Direttore Generale del Comune. Grazie al recupero del suo costo si potrebbe difatti costituire una significativa riserva per valide azioni di contrasto della crisi locale.

Significativi sono stati anche un paio di accenni a 200 milioni di euro pronti ad essere investiti nel nostro Comune, utili per aumentare i futuri introiti da redditi dal territorio.

Ma allora un consiglio comunale aperto, con un titolo tanto impegnativo per un comune di provincia di 100.000 abitanti, perché?

Forse si è dovuto attendere la chiusa del Sindaco Lucchi, con il preannuncio di un bilancio 2010 all?insegna del risparmio, con taglio degli investimenti e accelerazione delle alienazioni.

Morale, un consiglio comunale aperto per giustificare pubblicamente l?impossibilità di fare altrimenti, confermato da esperti autorevoli, sia locali che nazionali.

Risuona forte e chiaro il ben conosciuto ?Che fare??, che il Sindaco Lucchi coniuga nell?apertura della sua giunta verso tutte le proposte che saranno presentate, purché siano ?concrete e realizzabili?.

Ebbene, quel che ora occorre fare è osare.

Osare di dare gambe ai 200 milioni di euro di investimenti che attendono il via libera di essere operativamente impiegati.

Osare di mettere mano alla produttività ad una delle principali aziende della città, il Comune di Cesena, dandosi obiettivi di ottimizzare gli iter burocratici secondo standard europei. Di rendere finalmente attivo lo Sportello Unico per le imprese.

Osare di ridurre le presenze esterne del Sindaco, perché siano aumentate quelle interne per un maggior indirizzo della SUA AZIENDA. Accelerando in tal modo il processo per dismettere il Direttore Generale, figura atipica, oltremodo dispendiosa, in un comune da 100.000 abitanti.

Osare di promuovere iniziative con le altre province romagnole, affinchè si creino le condizioni per operare in un ottica di grande area metropolitana. Difatti solamente uniti si potranno vincere le nuove sfide.

Osare infine di agire e non di parlare solamente per rassicurare, rabbonire, giustificarsi del mancato aiuto centrale. Osare anche di commettere errori!

Sono sicuro che la cultura del fare non potrà che generare essa stessa positivi esempi di emulazione, che presto si diffonderanno nella nostra società.

Franco Pedrelli

 

  •   Published On : 3 anni ago on Giugno 27, 2017
  •   Author By :
  •   Last Updated : Giugno 27, 2017 @ 9:10 pm
  •   In The Categories Of : Politica Locale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also reading...

La necessità di una nuova consapevolezza politica

Read More