• I Nostri Sponsor

Loading...
Your Are in   Home     Politica Nazionale     LA PEGGIORE POLITICA ESTERA

LA PEGGIORE POLITICA ESTERA

     Giugno 27, 2017   No Comments

Sette giorni fa, il 12 luglio, con il titolo “ Politica estera: era meglio la vecchia DC” abbiamo espresso le nostre preoccupazioni su come si muove il Governo italiano su questo fronte così importante come la nostra politica e collocazione internazionali. In particolare sottolineavamo criticamente l’apertura ad Hamas da parte di D’Alema, ministro degli esteri, che purtroppo rappresenta una posizione assai diffusa a sinistra e non solo nella sinistra cosiddetta radicale.

Oggi, 19 luglio, sul Corriere della Sera, l’articolo di fondo di Angelo Panebianco (L’Europa e il riconoscimento di Hamas. Le illusioni del realismo), di cui vorremmo suggerire la lettura, ci conforta, purtroppo, nella nostra tesi e nella nostra preoccupazione circa la “peggiore” politica estera che il nostro governo sta seguendo. Anche la storia, a partire da Monaco da cui si dispiegò il dramma e la tragedia europea e mondiale della  guerra, pare abbia lasciato pochi segni e scarsi insegnamenti. In specie in chi pare coltivare ancora una visione ideologica impregnata fondamentalmente di antimericanismo, di antioccidentalismo e di antisemitismo.

Con la politica di un governo si può essere critici molte volte. Si può dissentire in toto o parzialmente su diverse questioni più o meno rilevanti. Tuttavia esse possono benissimo non intaccare una giudizio tale per cui si disconosce  totalmente la sua politica. Tale per cui si debba auspicare la sua fine anticipata. È pur vero che il Governo Prodi è criticabilissimo da quando è in carica. Ma il punto per noi è un altro. È sulla politica estera che riteniamo vi debba essere grande chiarezza e fermezza di posizione ed impostazione. Non è di oggi la nostra convinzione che la politica estera soprattutto costituisce la cartina di tornasole della nostra valutazione politica dell’azione di governo. È per questo che riteniamo auspicabile, a questo punto, prima che si facciano ulteriori danni, che questo Governo possa finire. Vista questa politica che asseconda gli integralisti fanatici e terroristi, che quasi parteggia per questi rispetto all’impegno di difendere la democrazia e la sopravvivenza dello stato di Israele nel teatro mediorientale; visto questo, non solo è auspicabile, riteniamo necessario che l’Italia possa avere e meritare un Governo diverso e migliore. Cosa che peraltro rispetto a questo governo Prodi non sarebbe nemmeno molto difficile avere. Il prima possibile, speriamo.

  •   Published On : 3 anni ago on Giugno 27, 2017
  •   Author By :
  •   Last Updated : Giugno 27, 2017 @ 9:16 am
  •   In The Categories Of : Politica Nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also reading...

Analisi del voto europeo

Read More