• I Nostri Sponsor

Loading...
Your Are in   Home     Cultura Società Economia     ANCORA SUL TESTAMENTO BIOLOGICO

ANCORA SUL TESTAMENTO BIOLOGICO

     Giugno 28, 2017   No Comments

di Giancarlo Biasini

Le argomentazioni sul testamento biologico usate dalla Sen. Bianconi sul numero 3/2009 di Energie Nuove meritano alcuni commenti. Cercherò di farlo attenendomi strettamente a dati di fatto conscio che le discussioni si tengono più per ascoltare che per convincere.
Le “alcune” volontà di cui la senatrice scrive e che il paziente può esprimere sono ben poca cosa rispetto a quelle volontà che la legge in discussione vieta. Il problema più serio è quello della alimentazione e idratazione. Voglio riprendere la terminologia usata nell’articolo: ”Non può essere consentita la rinuncia a strumenti che siano di semplice supporto alle naturali funzioni di alimentazione idratazione”. Se prescrivesse che non si possono cessare, finché possibili, le naturali funzioni di alimentazione e idratazione la legge sarebbe già migliore. Questa naturale funzione riguarda il passaggio degli alimenti dalle vie naturali: bocca,faringe,esofago,cardias, stomaco. In realtà non è così.
– L’alimentazione idratazione di cui trattasi avviene mediante un intervento chirurgico, o chirurgico- laparoscopico, in anestesia, con la collocazione di un tubo in un organo posto al di sotto del cardias.
– Gli alimenti usati non sono naturali; non sono preparati né dalla cucina dell’ospedale , né dalla industria, alimentare, ma da quella farmaceutica.
– Non sono fatti di cibi naturali cioè di sostanze complesse, ma di sostanze elementari:carboidrati, lipidi, proteine, le stesse che si usano per la alimentazione endovenosa. Non quindi il “pane e acqua” (che tristezza la demagogia in questo ambito!) perché con pane e acqua, si fa la fine degli ebrei nei lager. Il materiale di cui è composta la connessione, del resto, non reggerebbe cibi”di cucina”.
– La quantità e qualità del preparato da somministrare è una vera e propria prescrizione che necessita di una competenza nutrizionstica oggi addirittura istituzionalizzata; ed è sanzionabile se avvenuta con errori il che non accade per l’alimentazione naturale.
Che si tratti di un intervento “gravoso” è sostenuto dalla Associazione dei medici cattolici di Milano. Questa afferma che l’ alimentazione – idratazione “possono risultare inutili per il paziente e per lui troppo gravose; la gravosità non è da intendere solo in senso fisico, ma anche morale con riguardo anche alle relazioni famigliari e più in generale interpersonali che determinano la idoneità spirituale del paziente”. Questo vale specialmente per i malati cronici oncologici, respiratori e neurologici (e più drammaticamente per i genitori nei casi dei bambini che questa legge ignora) che hanno chiaro, per averlo visto con i propri occhi, negli ospedali, il percorso finale della malattia.
Altro problema è il potere affidato al medico di medicina generale. E’ noto che la legge è in contrasto con l’art 53 del richiamato (dalla legge stessa) codice di deontologia medica che esclude che il medico possa contrastare il rifiuto consapevole di nutrirsi del paziente. Ed è in contrasto con il codice deontologico dei collegi IPASVI degli infermieri Ma, a parte questo,ai medici viene attribuito un potere sfornito di background culturale: né nei corsi di laurea né in quelli di specializzazione essi hanno seguito corsi di bioetica o di counselling o di narrative medicine: ha scritto un teologo cattolico (Vito Mancuso) che, del dolore e della vita, scienza e letteratura possono parlarne insieme.
Proprio questo è alla base del fenomeno della estrema medicalizzazione dei vissuti della professione medica. Attribuire alla legge un ruolo di supplenza per una discutibile competenza riuscirà problematico.
Un problema suppletivo riguarda i bambini: il medico di medicina generale dell’esercente la patria potestà sembra dovere accettare anche le dichiarazioni anticipate per i minori di cui nulla conosce perché assistiti da un altro medico: il pediatra di libera scelta. Sarebbe un bel pasticcio relazionale. Ma chi pensa ai bambini in questo paese?
Ora vorrei esular dai fatti, di cui dicevo all’inizio, per una considerazione finale: a me pare che sfugga, in questa discussione -ma lo so che non sono un teologo- una idea,quasi blasfema, del “Creatore e Principio di tutte le cose” che si rimette alla tecnologia e sposta i termini della vita naturale, da lui stesso “fissata in tempi e spazi” (Atti 17.26), a seconda delle macchine inventate dagli uomini, mentre altrove (il ciclo della fertilità, per esempio, e il divieto degli anticoncezionali) sostiene la razionalità della natura e la sua conformità al volere divino.

  •   Published On : 3 anni ago on Giugno 28, 2017
  •   Author By :
  •   Last Updated : Giugno 28, 2017 @ 11:16 am
  •   In The Categories Of : Cultura Società Economia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also reading...

Un’orchestra per Cesena

Read More