• I Nostri Sponsor

Loading...
Your Are in   Home     Energie Nuove     Ambiente, strategica la collaborazione

Ambiente, strategica la collaborazione

     Novembre 28, 2017   No Comments

Energie Nuove – NUMERO 2 – novembre 2017

Ambiente, strategica la collaborazione

di Gian Luca Galletti (Ministro dell’Ambiente)

Sono stato amministratore comunale, a Bologna nella giunta Guazzaloca, e sono emotivamente vicino a chi ogni giorno si confronta con le responsabilità di amministrare una città, un territorio.

Credo inoltre che dal punto di vista ambientale il ruolo degli enti locali, delle politiche locali sia fondamentale, sicuramente altrettanto se non più importante delle grandi scelte nazionali.

Una buona qualità urbana dipende molto più dal sindaco che dal ministro a Roma. Dal livello locale, comunale ma anche regionale, discendono la programmazione urbanistica, i piani del traffico, le strategie di viabilità, i regolamenti edilizi, permessi e divieti, autorizzazioni e disposizioni specifiche.

In questi anni ho cercato sempre con tenacia un rapporto forte con i territori e devo dire di aver trovato negli enti locali e regionali sempre un’interlocuzione attenta e, soprattutto, concreta.

Il territorio, i centri urbani devono essere ripensati in chiave di sostenibilità ambientale  di adattamento ai cambiamenti climatici.

C’è ad esempio poi tutta la questione della qualità dell’aria, enfatizzata dai sempre più frequenti periodi di siccità che innescano ripetuti superamenti dei limiti per le sostanze inquinanti. Una situazione che rende necessari interventi anche sui sistemi di mobilità.

Quello dello smog è un tema particolarmente sentito, giustamente dico io, dall’opinione pubblica e sul quale finalmente abbiamo cominciato a lavorare organicamente con la firma a margine del G7 Ambiente del protocollo con le quattro regioni del bacino padano, Emila Romagna, Piemonte, Lombardia e Veneto.  Si tratta di un’intesa su ambiente e qualità di vita nelle città che interessa oltre 23 milioni di cittadini, il 40% della popolazione italiana. Sono previsti stanziamenti di 8 milioni di euro per sostituire i veicoli inquinanti e altri 8 milioni per la riduzione dell’inquinamento da attività agricole e zootecniche.

E ancora su questo argomento nel collegato ambientale abbiamo lanciato un programma sperimentale, chiedendo ai comuni di almeno 100 mila abitanti, o a gruppi di comuni più piccoli consociati, di proporre progetti tarati specificamente sulle loro realtà territoriali per agevolare mobilità sostenibile nei tragitti casa-scuola e casa-lavoro.

Abbiamo avuto una risposta che a mio parere è stata straordinaria, oltre 100 progetti presentati, 82 giudicati finanziabili secondo i parametri indicati nel bando e che saranno tutti finanziati per un investimento totale di oltre 80 milioni.

In Emilia Romagna sono stati finanziati 13 progetti per complessivi 10,7 milioni di euro a Forlì (999 mila euro), Ravenna (500 mila euro), Parma (966 mila euro), Ferrara (1 milione) Cesena ( 1 milione), Rimini (989 mila euro), Reggio Emilia (1 milione), Bologna (1 milione), Unione comuni Romagna Faentina ( 999 mila euro), , San Giovanni in Persiceto (1 milione), Modena (608 mila euro) Formigine (215 mila euro) Spilamberto ( 422 mila euro).

Il settore della mobilità peraltro ha una duplice valenza: da un lato trasporti sostenibili sono meno impattanti sotto il profilo delle emissioni, e quindi contribuiscono alla riduzione dei gas serra, in linea con gli impegni assunti dal nostro paese a livello internazionale; dall’altro una mobilità green migliora la qualità dell’aria che respiriamo nelle nostre città.

E in materia di collaborazione Stato-Enti Locali, vorrei anche ricordare che è stata approvata nei giorni sorsi la nuova legge sui piccoli comuni che rappresenta un segno di profonda attenzione a quelle realtà italiane che custodiscono identità e valori ma oggi devono difendersi dai tanti problemi territoriali a partire dal fenomeno dello spopolamento.

L’ambiente è una delle leve più importanti per valorizzare i piccoli comuni, cui già oggi sono rivolti vari progetti del ministero di riqualificazione ed efficienza. Questa legge ha il merito di introdurre un insieme di azioni che vanno a prevenire il dissesto idrogeologico, sulla riqualificazione degli edifici e sull’efficienza energetica del patrimonio edilizio pubblico, le infrastrutture e l’agricoltura sostenibile, ma anche le tecnologie e l’innovazione. Prezioso  è anche il rafforzamento del rapporto con le diocesi e le rappresentanze di altre confessioni religiose, con cui poter operare per la salvaguardia e il recupero dei beni culturali e storici.

Dalle città giunge il 70% delle emissioni di gas serra secondo alcuni studi. Certamente le città sono la frontiera di tutti i limiti del nostro sviluppo perché nelle città le mancate politiche contro i cambiamenti climatici e l’inquinamento si traducono non in prospettive future più o meno apocalittiche, ma in problemi serissimi oggi con gli eventi meteo estremi che colpiscono il nostro paese e anche la nostra Regione come ben sappiamo. Per la sicurezza del territorio, per fronteggiare il rischio idrogeologico abbiamo messo in campo risorse ingenti, oltre 10 miliardi nei prossimi 7 anni e programmazione. E  abbiamo iniziato a spendere subito anche in Emilia Romagna.

Ricordo solo alcuni interventi: 18,5 milioni per il ripascimento costiero  del litorale di Cesenatico; gli interventi di messa in sicurezza del  fiume Reno per importo globale 21,5 milioni ci cui già finanziati 7,5 per il secondo stralcio esecutivo; la sistemazione idraulica torrente Ghironda importo globale per un importo globale di 1,2 milioni di cui 560 mila euro già finanziati.

A queste opere si aggiungerà una infrastruttura fondamentale, la Agenzia Meteo Nazionale che nascerà a Bologna, già stata designata come la sede del nuovo data center del Centro Meteo Europeo per le previsioni a medio termine.

Abbiamo lavorato in questi anni, abbiamo valorizzato le singergie fra governo nazionale ed enti locali per consentire la difesa e lo sviluppo del territorio. Occorre continuare così, è un lavoro di lungo periodo, per consegnare alle nuove generazioni un’Italia più vivibile e più sicura.

  •   Published On : 3 anni ago on Novembre 28, 2017
  •   Author By :
  •   Last Updated : Novembre 28, 2017 @ 5:59 pm
  •   In The Categories Of : Energie Nuove

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also reading...

La necessità di una nuova consapevolezza politica

Read More