• I Nostri Sponsor

Loading...
Your Are in   Home     Cultura Società Economia     Accademia delle idee: per i giovani un anno gratuito

Accademia delle idee: per i giovani un anno gratuito

     maggio 15, 2018   No Comments

Energie Nuove – NUMERO 1 – aprile – maggio 2018

Accademia delle idee: per i giovani un anno gratuito

di Massimiliano Montalti – Imprenditore. Presidente Associazione giovani Credito Romagnolo

Tutto ha avuto inizio nel 2015, quando la nostra associazione ha proposto questo ambizioso progetto al Credito Cooperativo Romagnolo. Tante le attività rivolte ai giovani che sono state messe in campo (in ambito formativo, sociale, lavorativo e ricreativo) e che ci hanno permesso di individuare la necessità, che definirei quasi naturale di dare libera espressione ai giovani che vogliono fare impresa.

L’Associazione Giovani Credito Cooperativo Romagnolo (AGCCR) nasce nel 2010 per volontà dell’omonima  Banca, con lo scopo di creare opportunità dedicate ai giovani del  vasto territorio che si estende da Cesena-Valle Savio fino ad arrivare alla costa con il territorio di Gatteo e Cesenatico.

Le nostre energie e il nostro tempo sono dedicati in primo luogo all’ascolto dei ragazzi e dei progetti che vorrebbero realizzare; queste idee diventano poi il motore delle iniziative create sempre volgendo uno sguardo ai valori fondanti dell’Associazione.

E’ evidente che, in un momento in cui i giovani si trovano disorientati al cospetto di un mondo del lavoro che ha subito e subisce cambiamenti sostanziali e in cui ogni giorno nascono e si ridefiniscono ipotetici trend futuri, la risposta logica sia l’Accademia delle Idee. Si tratta di un coworking che mette a disposizione uno spazio gratuito, moderno ed efficiente, connesso alla rete, dotato di sala relax e sala riunioni/conferenze nel centro della città di Cesena (al Mercato Coperto).

Ci abbiamo creduto e ci ha creduto il Credito Cooperativo Romagnolo, che ha interamente finanziato il progetto, e oggi siamo convinti del valore e dell’importanza della scelta effettuata. Si è recentemente concluso il primo anno di Accademia con 4 start-up, ognuna composta da numerosi soci, che, dopo avere affrontato un anno di lavoro intenso in cui hanno riconsiderato diversi aspetti per poi correggere o cambiare drasticamente la direzione della propria impresa, oggi continuano a portare avanti le loro attività.

Gli stessi ragazzi hanno apprezzato in particolare il fatto di avere uno spazio moderno, pratico e confortevole, che ha permesso loro di fare relazione tra le varie attività dell’Accademia e con l’esterno. Si sono sentiti custoditi e seguiti; infatti oltre a proporre momenti di formazione l’Associazione si è posta in una logica di ascolto attivo. Abbiamo spesso analizzato e cercato di risolvere assieme le fasi critiche delle varie imprese, proposto formazione e supporto grazie all’impiego di consulenti esterni, il cui prezioso lavoro è servito ai neo-imprenditori per fronteggiare diverse criticità, che spaziano dalla necessità di migliorare le strategie di marketing e finanziarie, alle difficoltà insite nell’ approccio al mondo imprenditoriale, dall’implementazione dell’ utilizzo dei social  al complesso approccio ai bandi regionali ed Europei.

Recentemente è partito il secondo anno di Accademia che, attraverso il bando pubblicato in gennaio, ha permesso l’insediamento a metà marzo di 6 attività per un complessivo di 16 ragazzi che avranno un anno per mettersi alla prova e sviluppare la loro idea sul mercato.

Da sempre ci siamo considerati un’Associazione in rete e per questo fin dall’inizio dell’Accademia abbiamo ospitato in uno spazio dedicato Uniser, cooperativa che si occupa di mobilità lavorativa e di volontariato, inoltre collaboriamo con le associazioni universitarie cesenati e con “Psiche Digitale” che si occupa dell’interazione dell’uomo con le tecnologie digitali.

E dulcis in fundo da pochi giorni abbiamo ospitato la sede cesenate di 2 start up molto conosciute nella nostra città: Bid to Trip e Rockin’ 1000.

Attualmente all’interno dell’accademia trovano collocazione le seguenti attività, di seguito brevemente enunciate:

  • Alberto Travisani: si occupa di Digital Marketing, la sua specializzazione social è Instagram;
  • La Furia Films: casa di produzione cinematografica e audiovisiva indipendente e video makers;
  • Mayp Digital: ha lo scopo di sviluppare un’applicazione che creerà opportunità sia per i clienti sia per i gestori in ambito culturale e tempo libero;
  • Zappi Stefano: propone una nuova modalità di approccio al web marketing che ha il fine di formare  i clienti affinchè diventino protagonisti nell’uso dei social;
  • Tulips: consegna a domicilio la spesa ordinabile online sul loro portale puntando ai clienti che ritengono ci siano altri modi di impiegare il tempo normalmente dedicato al supermercato;
  • Leafbox: attraverso il suo portale offre esperienze turistiche dedicate all’universo vegano, vegetariano e del benessere.

A riconferma del valore creato per il territorio recentemente siamo stati anche premiati a Milano, insieme al Credito Cooperativo Romagnolo, da Abi. L’Accademia è stata riconosciuta come progetto innovativo per il cliente retail ed è stata l’occasione per ribadire l’impegno che Credito Cooperativo Romagnolo dedica alla creazione di opportunità per i giovani, anche allo scopo di contrastare la fuga di cervelli, piaga ormai nota di cui frequentemente si parla.

Il territorio Romagnolo è sempre stato un territorio dinamico e ricco di attività imprenditoriali, siamo convinti che per aumentare il suo valore e la sua attrattività occorra necessariamente investire sui giovani. Daremo voce ai loro progetti e anche grazie all’Accademia delle Idee cercheremo di rendere concretizzabile un futuro migliore.

  •   Published On : 1 settimana ago on maggio 15, 2018
  •   Author By :
  •   Last Updated : maggio 15, 2018 @ 3:10 pm
  •   In The Categories Of : Cultura Società Economia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also reading...

Quale futuro per la Fondazione?

Read More